Sunday, March 31, 2013

Louise Brooks - Valentina exhibit in Italy


As fans and followers of Louise Brooks know, the actress was the inspiration behind Guido Crepax's internationally celebrated Valentina comix / graphic novels. A show currently on display at the Cart Gallery in Rome, Italy celebrates the artist and his best known work. Be sure and visit the page for "Ciak: Valentina," which contains descriptive text and examples of Crepax's art. Here are a few examples. The first references Diary of a Lost Girl, the celebrated 1929 Brooks film directed by G.W. Pabst.


Here is the Italian text from the gallery website.Use Google Chrome or a web translation feature to read its meaning in your language of choice.
Apparsa per la prima volta sulla rivista Linus nel 1965, Valentina è uno dei personaggi femminili dei fumetti più noto in tutto il mondo: l’unica capace di brillare di luce propria senza bisogno di un protagonista maschile. Per questo, oltre che dagli uomini, per i quali incarna un sogno erotico elegante e sofisticato, essa è molto apprezzata dalle donne come simbolo di indipendenza, fascino e seduzione.

Personaggio simbolo degli anni Sessanta e Settanta, ha continuato a riflettere modi e mode anche nei due decenni successivi. Il suo stile, innovativo e anticipatore, la rende ancora oggi incredibilmente attuale. La complessità del carattere, ricco di sfaccettature e contraddizioni, è una delle chiavi del suo successo, tanto che molte donne hanno finito con l’identificarsi in lei.

Crepax si è sempre preoccupato di costruirle intorno un mondo credibile. La data di nascita, la carta d’identità, il naturale e costante invecchiamento (unico caso nel mondo dei fumetti), le relazioni, il figlio, il lavoro, la macchina, i vestiti, gli oggetti: tutto è reale, fedele riproduzione di un quotidiano possibile. Anche i sogni svolgono un ruolo importante nelle sue storie non solo per evadere, ma per fornire una chiave interpretativa dei fatti. Talvolta inventati, altre fedelmente riportati da sogni veri, essi hanno dato ulteriore spessore al personaggio avvicinandolo alla psicologia di una donna reale.

Spesso il cinema e la fotografia hanno caratterizzato l’opera di Crepax, non solo sotto il profilo dell’impostazione grafica della pagina. Montaggio, inquadratura, sequenza, stacco, particolare: nei fumetti di Valentina tutto è cinema, tutto è immagine. Crepax dimostra una particolare passione per tutto ciò che è dettaglio, accessorio: diversi punti di vista dai quali ricostruire la scena.

Da ciò nasce la volontà di proporre, con la preziosa collaborazione dell’Archivio Crepax ed approfittando anche di alcuni Pezzi proposti nella Mostra Valentina Movie, un’Esposizione che ci presenta lo strettissimo legame ultratrentennale che Valentina ha avuto con il mondo del Cinema: oltre 30 Opere Originali in grado di calarci in una realtà parallela, nella quale veniamo accompagnati dalla fotografa milanese – moderno, raffinato e sexy Virgilio – in un percorso a volte onirico ma sempre fonte di forti emozioni.

E allora … Ciak: Valentina … si gira !!!

No comments:

Post a Comment

LinkWithin